profughi

Il rifugiato, uno sconosciuto in viaggio forzato tra ignoranza e indifferenza

Mondo umano. Da sempre. Non è mai troppo presto per spiegare a un bimbo o a una bimba che ci sono loro coetanei costretti a lasciare le proprie case, residenze e famiglie, in fuga da gravi pericoli,…



Paradosso: i paesi poveri
accolgono i rifugiati
che i ricchi non vogliono

INTERVISTA A CARLOTTA SAMI E' stata la giornata internazionale del rifugiato. Una data da cerchiare in rosso sul calendario. Non c’è nulla da festeggiare ma è importante, direi fondamentale, fermarsi…



La giornata mondiale del rifugiato:
non li vediamo, ma muoiono ovunque

Come ha scritto Pietro Greco la settimana scorsa su queste pagine (VEDI QUI)  il flusso di migranti nel Mediterraneo non è diminuito. I profughi (una piccola parte dei migranti) continuano a essere…



Diamo un nome ai migranti morti
per riscoprire anche la nostra identità

Non che in passato siano mai mancate le violenze. Ma per almeno tre millenni il Mediterraneo è stato un mare di civiltà. Sulle sue sponde sono nate la filosofia, la scienza, il diritto. L’arte forse…



14500

Il numero di bambini  non accompagnati e separati dai genitori  che sono arrivati in Europa fino al settembre 2017 ; rimane alta la preoccupazione che molte donne e ragazze che arrivano in Europa…