Stato e Chiesa

“Un governo nel quale hanno partecipazione e ingerenza legale il clero, il papa o altre autorità ecclesiastiche” sarebbe ierocratico; ma può anche esserci un governo “che opera per impulsi religiosi e subordina leggi, rapporti di vita civile, costumi e dettami religiosi” senza essere composto di ecclesiastici, ed è teocratico. Elementi di teocrazia sussistono dove non esista netta e radicale separazione tra chiesa e Stato, l’insegnamento della religione sia obbligatorio o esistano concordati.

Antonio Gramsci