Pensiero critico

Abbiamo imparato a capire che la volontà soggettiva non basta a cambiare il mondo, come pure credettero, allo scoppio della Rivoluzione d’Ottobre, i protagonisti della sinistra del movimento socialista, tra cui il nostro Antonio Gramsci. Ma questo non significa dismettere quella volontà trasformatrice e non significa abbandonare il pensiero critico da cui nasce l’analisi della società in cui viviamo e delle sue irrisolte e irrisolvibili antinomie.

Aldo Tortorella