Pallottole di camorra

Queste sono scene da Medioevo. chi vive a Napoli non può accettare il rischio di essere colpito così o peggio, di veder cadere a questo modo una figlia, un figlio, i più indifesi esposti alle pallottole di una camorra senza freni, disposta a sparare in pieno centro. Non basta mandare più agenti. Dal Viminale serve la risposta dello Stato centrale.

Cafiero de Raho,  procuratore nazionale antimafia