Ancora niente governo
Alle urne a fine luglio?

Il governo non c’è. Le elezioni sono all’orizzonte nel mezzo dell’estate. I grillini ci ripensano e rinunciano a mettere sotto accusa il presidente della Repubblica.Aanzi ipotizzano la possibilità di una…


Se sull'Europa è scontro i populisti perdono

Le fortune del populismo si nutrono di brutali semplificazioni e le semplificazioni sono un’arma formidabile per imporre il proprio potere sulle coscienze e sulle volontà. Ma dobbiamo chiederci: sempre? E…


Cattivi pensieri su una crisi arginabile

Sono preso da pensieri che qualcuno potrebbe giudicare irresponsabili. Ovvero che forse era meglio, con il Pd, tentare di condizionare i 5 stelle con un appoggio esterno benevolo, senza condivisioni…


28 maggio '74, quando i fascisti facevano strage

Il 28 maggio del 1974 a Brescia, durante una manifestazione unitaria del sindacato, scoppia una bomba in Piazza della Loggia. E’ una strage fascista; i morti sono otto, di cui cinque attivisti della Cgil:…


Il virus M5S che sgretola sinistra e democrazia

Tutto sta nel capire quale sia la Betlemme dei Cinque stelle. Di quella della Lega Nord – la versione originale di una avventura piena di sorprese – abbastanza si sa. Un bel giorno, in un bar male illuminato…


Open Arms torna
grazie ai protestanti

Il contratto tra M5s e Lega porterà probabilmente Salvini al ministero dell'Interno Una cupa prospettiva, certo. Ieri alla Camera, però, si è parlato d'altro. Si è parlato di salvataggio in mare. Ospite…


Casa delle donne,
in campo gli attori

Porta al dito un anello da lui stesso forgiato Marcello Fonte, il jolly, il folletto, il Puk improvvisamente apparso sulla scena del cinema italiano e alla Croisette di Cannes, dove è stato premiato come…


"Contratto": il modello
che non esiste

Nel cosiddetto contratto tra Lega e 5 Stelle ci sono, com’è noto, molte stranezze, per usare un eufemismo. Una ha suscitato l’allarme del Consiglio italiano del Movimento Europeo che, a firma del presidente…


E' braccio di ferro
su Savona ministro

Avevano fatto male i conti Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Anticipando fuori da ogni regola il programma di governo, e poi il nome del designato a Palazzo Chigi, e poi quelli dei ministri che dovrebbero…


In nome del popolo via la democrazia

Stanno accadendo cose enormi nel nostro Paese, anche se molti guardano a ciò che succede in silenzio, quasi tramortiti dalle novità. Gli storici del futuro che potranno guardare a questa vicenda da una diversa…


Ilva o non Ilva, l'ambiguità dei grillini

Il nuovo governo chiuderà l’Ilva, o renderà i suoi impianti meno inquinanti? A chiederselo sono in molti sulle sponde del Golfo di Taranto puntando soprattutto l’attenzione sui grillini che sulla chiusura del…


Adesso Matteo Salvini
ha paura dei possibili veti

“Abbiamo chiuso su nome del premier e squadra di governo e speriamo che nessuno metta veti su una scelta che rappresenta la volontà della maggioranza degli italiani”. Se la poteva risparmiare la notazione…