Cernivtsi, la piccola Vienna a cui l’autonomia ha distrutto l’anima

C’è una città nell’Ucraina occidentale, ai piedi dei Carpazi, che oggi si chiama Cernivtsi ma ha avuto molti nomi. In rumeno è stata Cernăuti, Cernowzy in russo, in polacco Czerniowce e Czernowitz…



I bambini dell’Isis
e il gioco della guerra

La generazione perduta dei bambini del Califfato e il modello educativo dell'Isis per trasformare i ragazzini in guerrieri del jihad, pronti ad essere trasformarti in "shahid", in martiri kamikaze,…



Il fallimento del guevarismo
intrappolato nella violenza

Che cosa davvero resta del Che, oggi, mezzo secolo dopo la sua morte? Che cosa si salva, in questa babele di ossificati slogan rivoluzionari e di sfrenato mercantilismo? Che cosa si…



Che Guevara, riflessioni
su un mito che non muore

La mattina dell’8 di ottobre di mezzo secolo fa, Ernesto Guevara de la Serna, meglio noto come “el Che” venne ferito e catturato in quel della Quebrada del Churo, nella provincia di Santa Cruz, al…



La migrazione dall’Africa
ha ”creato” l’Homo sapiens

Pochi se ne sono accorti. Ma negli ultimi mesi gli antropologi stanno riscrivendo la nostra storia. Che è la storia di una specie migrante. Nello scorso mese di giugno la rivista Nature ha pubblicato…



Due passi nella memoria
al carcere delle Murate

  Eppure sembra di sentirlo ancora sulla pelle l’eco di grida di notte, passando sotto le Murate a Firenze. Adesso sulle mura ci sono finestre. Il portone – quel portone: l’ho valicato una volta…



Lo scontro nel Pci di Palermo
nelle lettere di Pio La Torre

    Due piccole buste listate a lutto, ma la listarella scura non è stampata, bensì tratteggiata a penna. La prima porta i timbri postali di Palermo del 29 maggio 1951, la seconda quelli…



Il nostro orologio biologico
uguale a quello del moscerino

Premio Nobel per la Medicina 2017 agli americani Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young «per la scoperta dei meccanismi molecolari che controllano il ritmo circadiano». Quel ritmo, cioè,…



Dall’Africa al Caucaso
migranti all’alba dei tempi

  Se volete scoprire i primi migranti, dovete andare nel Caucaso, a Dmanisi, nella regione di Kvemo Kartli, in Georgia. Lì troverete i resti – 5 crani, 50 ossa dello scheletro tra cui un bacino…



Una città abbandonata
Il tramonto di Torino

Dall’eccellenza culturale al festival dei rutti. C’è attesa trepidante, a Torino, per il «Burp d’estate» in programma sabato prossimo a Piazza Castello. L’amministrazione, chiamata in causa, si è…



Tra i braccianti in terra di Puglia
nelle baracche con i poster di An

Non chiamiamoli “ghetti”. In Puglia di ghetto ce n'è uno solo. Il Gran Ghetto di Rignano, il cui nome, con esplicita ironia, è stato deciso dagli abitanti, i braccianti africani. Gli altri sono…



Storia di un comunista
ucciso dal socialismo reale

Il 5 agosto di 41 anni fa alla frontiera che allora divideva la Germania, tra la Repubblica federale e la DDR, venne ucciso un italiano. Si chiamava Benito Corghi, aveva 38 anni e faceva il…