Allargamento dell’Unione europea, quattro pericoli da evitare

Quando fu raggiunto l’accordo su quello che sarebbe stato il Next Generation EU (NGEU), un piano e non solo un fondo per aiutare le economie dei paesi membri dell’Unione europea (Ue) colpiti dagli…



Macron sconfitto e costretto a trattare Successo per la sinistra di Mélenchon

Crisi energetica e aumento vertiginoso del costo delle bollette con aumento relativo del costo della vita e riduzione del potere d’acquisto, ovvero la prima preoccupazione dei francesi da molti mesi;…



von der leyen ucraina ue

Ucraina nella UE: fattore di rischio o di stabilizzazione?

Giacca gialla e camicia blu, Ursula von der Leyen ha annunciato ieri il parere favorevole della Commissione europea all’ammissione dell’Ucraina e della Moldova al rango di paesi candidati…



“L’Ucraina subito nella UE”, la promessa difficile della trojka

I fatti simbolici contano, talvolta più dei fatti della politica e della diplomazia. Così il primo atto della storica visita (storica davvero, non è un’iperbole) dei capi politici dei tre paesi più…



Auto elettriche, il passo avanti dell’Europarlamento

Non è il fischio finale della partita, che resta lunga da giocare e complicata. Ma il voto di mercoledì con cui il Parlamento europeo ha respinto la proposta – avanzata in prevalenza da gruppi e…



Cartellino rosso a Orbán: l’Unione deve sospendere l’autocrate ribelle

Il “progetto di Trattato sull’Unione europea” del 14 febbraio 1984 (“progetto Spinelli”) era fondato sull’idea che fosse necessario rilanciare l’opera di unificazione democratica dell’Europa e che,…



Macron è chiaro: serve più Europa per arrivare alla pace

L’Europa deve avere un ruolo molto più importante, molto più attivo, molto più indipendente per far finire la guerra in Ucraina. Ma perché ciò avvenga deve guadare la palude delle proprie incertezze,…



La Russia e l’Europa. La rilettura dell’intellettuale putiniano

Ma noi, noi europei, dove eravamo quando i protocolli di Minsk per spegnere i fuochi di guerra in Donbass non venivano rispettati e continuavano le resistenze di parte ucraina davanti a una…



Muore Visegrád, ma è davvero una buona notizia per l’Europa?

C’era una volta Visegrád. Dentro il vaso di Pandora scoperchiato dall’aggressione russa all’Ucraina tra i tanti problemi creati dal neo-imperialismo moscovita e da vecchi e nuovi nazionalismi c’è…



Quelle parole russe nei sotterranei dell’acciaieria Azovstal

Nel video girato nei sotterranei di Azovstal, nel quale si vedono militari che consegnano delle buste di alimenti ai civili, la lingua che si ascolta, in cui le persone rinchiuse si scambiano saluti…



E così le vicende della guerra non vanno come previsto da Putin

Eterogenesi dei fini. E’ un modo un po’ complicato e filosofico per definire qualcosa di abbastanza semplice, come quando le cose non vanno come avevamo previsto in base alle nostre azioni. Ma…



Mattarella e lo “spirito di Helsinki”: quella Carta dimenticata può aprire scenari nuovi per la pace

Certi silenzi parlano più delle parole. Non vorremmo sbagliare, ma ci è parso che sui grandi giornali italiani, o almeno sulle loro versioni on line, sia stato colpevolmente sottovalutato, se non…