Il centrosinistra ha giocato meglio la partita del “voto volatile”

Le prime annotazioni che possono essere ricavate dalla lettura dei numeri emersi dai ballottaggi per i 13 comuni capoluogo impegnati nelle elezioni comunali del 26 giugno possono essere riassunte nella raccomandazione, per poter esprimere giudizi sulle tendenze espresse dall’elettorato, di leggere attentamente le cifre.

In questi casi non ci può limitare al solo conteggio dei Comuni conquistati o perduti ma è necessario andare a fondo nell’esame di ciò che è realmente accaduto: naturalmente questo lavoro è del tutto parziale essendo stato elaborato immediatamente dopo la chiusura degli scrutini esaminando soltanto alcuni aspetti dell’esito delle urne.

Alcune indicazioni di carattere generale però si possono già individuare.

Cosa dicono i Comuni capoluogo

amministrativeNei 13 Comuni capoluogo dove si sono svolte le votazioni di secondo turno non avendo 15 giorni prima nessuno dei candidati sindaci superato il 50% dei voti avevano diritto al voto 1.074.837 elettrici ed elettori.

Nel primo turno erano state deposte nelle urne 559.780 voti validi; nel secondo turno il numero dei voti validi è sceso a 429.007: ciò significa che l’effettivo tasso di astensione tra le due tornate è salito del 23,34% (comprensivo delle schede bianche e delle schede nulle). Il totale della partecipazione al voto nel secondo turno si è quindi collocato al di sotto del 40%, 39,91% per la precisione. Ed è questo il dato sul quale bisognerebbe puntare direttamente l’attenzione.

Per essere più precisi rispetto all’entità del fenomeno (sempre riferendoci ai 13 comuni capoluogo) deve essere fatto notare che al termine del primo turno per i candidati sindaci esclusi dal ballottaggio si erano espressi 142.768 suffragi: di questi soltanto 8.197 sono stati utilizzati per esprimere il sostegno ad uno dei candidati nel turno successivo.

Su 26 candidati al secondo turno 8 hanno peggiorato la performance realizzata nella precedente tornata: ciò nonostante si sono verificati 4 sorpassi (Como, Lucca, Monza, Catanzaro: uno a favore di un candidato civico; uno di un candidato centro-sinistra e cinque stelle; uno di un candidato di centro-sinistra e uno di centro destra) a conferma del permanere di una tendenza alla volatilità nonostante la ristrettezza dei numeri disponibili.

I dati complessivi

Esaminiamo allora i dati complessivi per i 13 comuni capoluogo:

Candidature di centro – sinistra: al primo turno 165.476 voti, al secondo turno 179.425 con un incremento di 13.949 suffragi.

Candidature di centro – sinistra comprendenti il M5S: al primo turno 51.869 voti, al secondo 55.693 con un incremento di 3.824 voti.

Candidature di centro – destra (considerata tale quella di Sboarina a Verona escludendo quella di Tosi) : al primo turno 160.332 voti; al secondo 183.600 con una crescita di 23.268 suffragi.

Candidature civiche: al primo turno 28.897 voti al secondo 20.227 con un decremento di 8.670 voti.

Candidatura Lega con Forza Italia: primo turno 15.666 secondo turno 19.062.

I casi specifici di maggiore interesse nell’analisi dei voti tra il primo e il secondo turno sono rappresentati da Como, Verona e Catanzaro.

A Como si è verificato il sorpasso da parte della candidatura civica Rapinese passata da 8.443 voti a 14.067 mentre la candidatura Minghetti espressione del centro.sinistra è scesa da 12.173 voti a 11.345.

A Verona l’attesa era per il comportamento degli elettori della candidatura Tosi che nel primo turno aveva raccolto 25.843 suffragi rompendo il fronte del centro destra rappresentato dal sindaco uscente Sboarina arrivato al ballottaggio con 35.404 voti al secondo posto dietro il candidato del centro-sinistra Tommasi con 43.106 voti. Al secondo turno Sboarina ha incrementato il proprio numero di voti da 35.404 a 43.730, mentre il neo- sindaco Tommasi è salito a 50.118 voti. Si può quindi valutare che se almeno un terzo delle elettrici e degli elettori di Tosi hanno votato Sboarina al ballottaggio un certo numero di suffragi della stessa provenienza si sia fermato sulla candidatura Tommasi.

Molto rilevante il sorpasso realizzato a Catanzaro dalla candidatura Fiorita (espressione del centro-sinistra e del movimento 5 stelle) che al primo turno aveva ottenuto 14.966 voti risultato la seconda alle spalle della candidatura Donato espressione del centro destra con 20.768 voti. Situazione completamente ribaltata al ballottaggio con Fiorita eletto sindaco con 17.823 voti e Donato sceso a 12.778 per un caso di volatilità che sembra essere davvero ” di scuola”.

La sintesi

legge elettoraleIn conclusione per quel che ha riguardato i 13 comuni capoluogo nei quali si è svolto il turno di ballottaggio il 26 giugno si può affermare:

1) l’ulteriore crescita dell’astensione: i voti validi, alla fine, hanno rappresentato una percentuale inferiore al 40% dell’intero corpo elettorale;

2) è stato utilizzato soltanto il 5,74% dei voti attribuiti al primo turno ai candidati esclusi e disponibili per il secondo turno, a conferma dell’esistenza di un fenomeno non secondario di volatilità elettorale anche tra due turni della stessa elezione;

3) le candidature di centro – sinistra hanno avuto un incremento tra i due turni passando dal 15,39% al 16,69% sul totale del corpo elettorale (e non dei soli voti validi); le candidature del centro – sinistra con il movimento 5 stelle sono salite dal 4,82% al 5,18%; centro – destra da 12,99 a 15,89%; la candidatura Lega – Forza Italia di Parma dal 1,45% al 1,77%.

4) Muovendosi sul terreno della pura curiosità statistica si può dunque affermare che il “campo largo” nel ballottaggio del 26 giugno abbia ottenuto il 21,87% dell’intero corpo elettorale dei 13 comuni capoluogo e il centro – destra il 17,66% in un quadro complessivo segnato da un’astensione (comprensiva di bianche e nulle) del 60.09%.