Elegante, snob, irriverente. Arbasino
ci ha lasciato nella sua Voghera

Insieme con i troppi morti dell'epidemia, se ne vanno anche quelli che con il virus non c'entrano nulla, ma che avrebbero potuto aiutare in questi frangenti, senza somministrarci medicine, previsioni, opinioni, allarmi,…


Lo dico da "sfollato":
i doveri civili
non sono un optional

Sono uno “sfollato”. “Sfollato” lo si diceva di chi, donne e bambini, in tempo di guerra lasciava le città, come Milano appunto, per rifugiarsi in campagna, in una campagna al sicuro dai bombardamenti e dove magari ancora si…


Milano stretta
dall'allarmismo
di media e fake news

Il virus mette paura. Bastasse una botta precisa, come si fa con le zanzare o con le mosche, per annientarlo, saremmo tutti più tranquilli. Ma zanzare e mosche, per quanto minuscole, le sentiamo ronzare, le vediamo, le…


Rosaria Schifani,
colpita due volte dalla
pervasività della mafia

Vito Schifani era un poliziotto ed era di scorta a Giovanni Falcone. Morì nella strage di Capaci, il 23 maggio 1992, insieme con Falcone e la moglie, Candida Morvillo, e con i compagni Antonio Dicillo e Rocco Montinaro. Guidava…


Spinazzola, tra Manzoni e Linus
il coraggio del critico che amava l'Unità

Vittorio Spinazzola ci ha lasciato. E’ morto l’altro giorno all’alba. Aveva novant’anni. Era nato nel 1930 a Milano e a Milano era vissuto, a Milano aveva insegnato, professore ordinario alla Statale, e aveva combattuto le sue…


Il giorno che un cavallo azzurro
entrò in manicomio a liberare i matti

Quarant’anni fa, alla fine di agosto, moriva Franco Basaglia, lo psichiatra veneziano che liberò i matti, mostrando poco alla volta come si sarebbe potuto fare per restituire giustizia a chi le norme, anche antiche, il senso…


Fausto Coppi, il campionissimo in fuga
verso il futuro nell'Italia bigotta

C'è un uomo solo al comando della corsa. La sua maglia è biancoceleste. Il suo nome è Fausto Coppi. Sessant'anni dopo la sua morte, il 2 gennaio 1960, Fausto Coppi resta nella memoria, un mito, un grande ciclista, il campione che…


Piazza Fontana, la strage fascista
che l'Italia ha lasciato impunita

La strage di piazza Fontana, la bomba alla Banca dell’Agricoltura. Diciassette morti e una diciottesima vittima, Giuseppe Pinelli.  Milano, cinquant’anni fa, mezzo secolo fa. Il 12 dicembre 1969, una data che è nella nostra…


Cittadinanza onoraria ad Ezio Greggio, sussulto contro l'indifferenza

I "bizzarri" argomenti della destra Il figlio di Liliana Segre, avvocato a Milano, in un’intervista, ci ha messo in guardia dalle strumentalizzazioni. Per affetto e con senso di responsabilità vuole difendere la madre (così…


Mozione Segre, geografia morale di un paese
senza memoria

La senatrice Liliana Segre mi pare abbia dimostrato una considerevole cautela (ma si potrebbe dire una considerevole signorilità) nel dichiararsi “stupita”, solo “stupita”, dall'astensione di numerosi suoi colleghi, novantotto, a…


Report e il caso
Lega-Mosca: quella voglia
di censura che torna

Dove andremo a finire? Domanda magari da vecchio fustigatore della moralità pubblica e, ai tempi, delle minigonne. Ma se si guarda un attimo non troppo distratti e rassegnati a quanto accade a proposito del sistema dei media in…


Renzi-Salvini: in tv
va in scena uno
squallido battibecco

Fosse per me li avrei mandati tutti e tre a casa... intanto Bruno Vespa, pensionato d’oro con il gusto per il sangue. Non occorre andare a ritroso tra case e villette, tra indagini e delitti, corpi sbranati e teste fracassate,…