Al confine della vergogna

Una piccola quantità di cibo e di acqua sta arrivando dalla parte bielorussa. I militari polacchi si rifiutano di dare aiuto anche ai casi più vulnerabili. Oggi sono stati distribuiti dei fogli per spiegare alle persone che possono chiedere il rimpatrio “volontario” o possono chiedere asilo in Bielorussia. Intanto il freddo diventa ancora più forte e le morti si moltiplicheranno in questi giorni.

Nawal Soufi, dal confine tra Bielorussia e Polonia