23 anni

Prima le sprangate dei razzisti, a Ventimiglia. Era il 9 maggio. Gli aggressori sono stati denunciati, lui è finito in galera. Non aveva i documenti, qualche piccolo precedente, decreto di espulsione. Appena uscito dall’ospedale è stato chiuso nel Cpr, Centro di permanenza per il rimpatrio. Nessuno gli ha spiegato perché i suoi aggressori sono a piede libero e lui rinchiuso. Mussa Balde dopo due settimane di isolamento ha preso un lenzuolo e si è impiccato. Aveva 23 anni.