Monopolio

Le privatizzazioni hanno spesso sostituito monopoli pubblici con posizioni di sostanziale monopolio privato, con danni per la collettività e vantaggi solo per i nuovi proprietari. Inoltre, le privatizzazioni non hanno contribuito al contenimento del debito pubblico. Uno dei motivi è che da un lato lo Stato incassa dalla vendita, ma dall’altro subisce una perdita in termini di entrate future, visto che non dispone più dei profitti delle aziende privatizzate.

Emiliano Brancaccio

Il Covid ha cancellato i totem liberisti,
ma già avanza
un nuovo dirigismo di mercato

Abbandonato l'ottimistico orizzonte del "ne usciremo migliori", ci resta la speranza di non uscirne uguali o peggiori. Mentre dentro e fuori il club dei partiti si fa ogni giorno più calda la lotteria del Quirinale, il gattopardismo dei centri decisionali del Paese riemerge in tutto il suo splendore. Da una parte si esalta la nuova centralità del pubblico e dall'altra avanza un nuovo dirigismo di mercato che riproduce tutte le vecchie logiche e le vecchie ricette che, a parole, si dice di voler superare. In assoluta continuità con il pre-pandemia Nel concreto. Tanto per cominciare, quaranta milioni di italiani sono stati immunizzati con i vaccini pagati dallo Stato (qualche improvvido voleva che si pagassero anche i tamponi ai non vaccinati) e inoculati da medici e infermieri…

Leggere di più

L’informazione
confusa su Omicron
è più pericolosa
del Covid stesso

E dunque ecco Omicron. La variante che è arrivata alla nostra conoscenza pochi giorni fa e ha già fatto dire di tutto e il suo contrario. Omicron è preoccupante, si diffonde rapidissimamente con una crescita “vertiginosa” dei casi (l’Oms). Omicron dà sintomi lievi, state tranquilli (la dottoressa Coetzee che ha scoperto la variante in…

Leggere di più


L’uomo nuovo
dell’ultradestra francese
e il Grand Remplacement

Nei giorni scorsi  Eric Zemmour ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle prossime elezioni presidenziali in Francia, che si terranno nella primavera del 2022. Lungamente attesa, la dichiarazione è stata diffusa con un video sul quale sembrano però pesare dei problemi di diritti d’autore; inoltre la prima apparizione pubblica come candidato si è conclusa con un…

Leggere di più



Il nuovo governo di Berlino: la Ue rinasca dai diritti dei cittadini

Nell'accordo di coalizione sulla base del quale nasce il nuovo governo tedesco c'è un passaggio molto interessante che riguarda il futuro dell'Unione, che è al centro della Conferenza sul futuro dell'Europa. Si tratta di un richiamo preciso alla necessità di modificare i trattati e al fatto che le modifiche dovrebbero partire dal pieno riconoscimento dei diritti dei cittadini…

Leggere di più



La denuncia della giornalista Greta contro la manata sessista

Caro ragazzo di quarantacinque anni coi baffi, tifoso della Fiorentina, che prima di dare una manata alla giornalista ti sei sputato sul palmo, tanto per impreziosire il gesto, devo dirti che sei stato sfortunato, perché a differenza di migliaia di tuoi colleghi palpeggianti e molestanti, hai scelto il momento sbagliato. No, non mi riferisco alla giornata internazionale contro…

Leggere di più



No vax? mettiamo un super green pass
per le terapie intensive

La sparo grossa, nel giorno in cui omicron smette di essere una semplice lettera dell'alfabeto greco e diventa “preoccupante”, come da definizione dell'Oms e ci ricorda che pan-demia vuol dire esattamente questo, pan, tutti, tutto il popolo, non solo questa parte del pianeta e il resto che si arrangi: non basta dirsi che sarebbe bello vaccinare anche i paesi poveri, bisogna…

Leggere di più



Berlusconi presidente? E’ come stare su “Scherzi a parte”

Siamo su “Scherzi a parte”. C’è un gruppetto di buontemponi che si sta prendendo gioco della vanità un po’ senile di una persona anziana. L’anziano, 85 anni, è Silvio Berlusconi. E’ una figura complessa, ricchissimo e potentissimo a livello mediatico, protagonista di una lunga stagione della politica italiana dai tempi di “per fortuna che Silvio c’è”. Adesso è invecchiato, si…

Leggere di più



Riforma dell’Irpef, i vantaggi premiano anche i più ricchi

La riforma dell’Irpef appena approvata dal governo ha suscitato già qualche polemica. Perché, ci si chiede, il taglio parte dai 28mila euro annui in su? Perché i vantaggi si concentrano sulla classe media, tra i 28mila e i 55mila euro annui, mentre il Paese soffre di nuove povertà, anche di chi lavora? Gli esperti fiscali spiegano che la prima fascia di contribuenti, quella…

Leggere di più


La violenza sulle donne è una sconfitta per tutti

Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Questa ricorrenza, istituita nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, è pensata per incentivare le iniziative volte a sensibilizzare le comunità su questa violazione dei diritti umani con la quale devono fare i conti le donne di tutto il mondo.

Secondo la World Health Organisation 1 donna su 3 subisce violenza nel corso della propria vita, e circa il 38% di tutti gli omicidi di donne sono compiuti da partner; quello della violenza sulle donne è un problema grave anche in Italia, dove ogni anno si registrano numerosi casi di femminicidio, di cui la maggioranza compiuti da partner o ex partner (ricordiamo a riguardo l'importante ruolo di supporto alle vittime svolto dai centri antiviolenza in tutto il paese, e la presenza del numero nazionale 1522, al quale si possono denunciare abusi, molestie e stalking).

La violenza di genere però, oltre a prendere la forma di violenza fisica, può anche assumerne altre, come quella verbale, psicologica o economica.

beatles1

“The Beatles. Get Back”: quelle session
sono un capolavoro cinematografico

Come molti spettatori italiani, “beatlesiani” e non, siamo reduci da una full-immersion nel mondo di The Beatles. Get Back, il documentario di Peter Jackson (sì, lui, il regista neozelandese di Il signore degli anelli) da poco messo online dalla piattaforma Disney+. Preveniamo la disperata domanda di molti appassionati: no, per ora non c’è altro modo di vederlo! Uscirà prima poi un dvd/bluray, ma per ora o Disney+ o nulla. Va anche…

Leggere di più

La sferzata di Enrico Berlinguer al PCI
nella seconda svolta di Salerno

Un cambio radicale di paradigma. Il Pci che metteva nel mirino la storia recente d’Italia, denunciando le ombre e la degenerazione della vita pubblica. Ma, soprattutto, il Pci che mutava strategia e linea politica. Salerno, fine novembre 1980. La città è la tappa finale di un viaggio nel dolore e nella disperazione del Sud messo in ginocchio dal terremoto che Berlinguer ha voluto fare, il giorno dopo l’allarme lanciato da un altro…

Leggere di più

Se il poeta nudo ci dice che amare
in questo mondo è (di nuovo) possibile

Nel silenzio di una notte d'ospedale un paziente si lascia andare alle riflessioni e ai ricordi per sfuggire dallo stato di costrizione in cui è stato sottoposto. Se le premesse sono prossime a molte delle nostre esperienze sono gli esiti ad essere sorprendenti, letti nella chiave contemporanea: Stefano Simoncelli, tra i fondatori della storica rivista Sul porto insieme a Walter Valeri e al compianto Ferruccio Benzoni, di cui…

Leggere di più

Swing e noir: Fred Buscaglione, l’artista geniale morto troppo presto

E' appena ricorso il centesimo anniversario della nascita del musicista Ferdinando Fred Buscaglione (Torino, 23 novembre 1921 - Roma, 3 febbraio 1960) e, finora, non sono state tante le occasioni televisive e cartacee che lo hanno ricordato. Eppure, in soli quarant’anni di vita segnò un’epoca. A fine anni cinquanta, poco prima di morire in un incidente, si trovava all’apice di una carriera clamorosa e multimediale: era uno degli…

Leggere di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it