No alla mafia

Non è la prima volta che mi minacciano. Ma per il bene della Sicilia non possiamo arretrare neanche di un millimetro. Bisogna denunciare. Sono stato minacciato nel marzo 2019, davanti all'ingresso del mio stabilimento a Belpasso trovai una busta con dentro una bottiglia di alcol e un messaggio scritto: 'Cercati un amico buono'. Chiamai i carabinieri. Già in passato, anche quando c'era mio padre in azienda, abbiamo ricevuto minacce, ma non ci siamo mai piegati.
Giuseppe Condorelli

Riscaldamento globale, la “pandemia”
che minaccia l’intero genere umano

Non è per procurare allarme, ma al contrario, per limitare il rischio di allarmi futuri che non bisogna dimenticare che la Terra con i suoi circa 8 miliardi di abitanti è afflitta da due pandemie. Una recente con poco meno di due anni di vita; l’altra di più antica data e durata. Le due pandemie La prima è la pandemia da Covid-19, che da oltre un anno e mezzo coinvolge l’intero pianeta e i suoi abitanti; l’altra è il mutamento climatico, che con diverse e differenti caratteristiche è cominciato da almeno una trentina di anni. La prima, come tutte le pandemie di questo tipo (peste, vaiolo, influenza spagnola) e come ci ricorda la storia nel giro di un paio d’anni dovrebbe esaurire la sua virulenza. La seconda no: non in tempi brevi e in assenza di azioni di forte impegno per il…

Leggere di più

“Il Pd non può schiacciarsi
sull’agenda Draghi
Serve il coraggio delle grandi sfide”

INTERVISTA A GIANNI CUPERLO Onorevole Cuperlo, lei scrive su Facebook che alla fine ha vinto la censura visto che il caso Fedez ha oscurato i temi propri del Primo maggio… Parto da una premessa. In queste ore piangiamo una ragazza di 22 anni, Luana D’Orazio, che ha perso la vita in una fabbrica tessile di Prato. Sono 123 le morti sul…

Leggere di più


Lobbying,
chiariamo
un po’ di cose

Ammetto, da lobbista, che l’attività professionale che svolgo da oltre 25 anni costituisce un problema, in Italia e non solo. Ma il problema non è la professione in sé. Il problema è la discussione pubblica sul lobbying che, muovendo da premesse errate, non può che giungere a conclusioni distorte, alimentando un dibattito fondato sull’ignoranza, più che sulla conoscenza dei…

Leggere di più



L’identità degli anni della contestazione
non fu solo la violenza

La restaurazione riscrive la storia del passato che ha sempre osteggiato. Lo fa assegnando a quel passato una sola fisionomia, una sola faccia. Nel caso nostro, lo fa identificando con la violenza tutti i movimenti extraparlamentari, le forme di contestazione alla politica parlamentare, le concezioni alternative alla democrazia elettorale, immaginifiche o utopistiche che…

Leggere di più



Luana, 22 anni
Neanche il tempo
di poter gridare

Non ha nemmeno fatto in tempo a urlare, a gridare aiuto, Luana D’Orazio, 22 anni, un figlio di 5. Ragazza madre che era felice di avere trovato lavoro in un anno come questo, l’anno tremendo del Covid in cui tanti il lavoro lo hanno perso. L’operaio che le lavorava accanto ma di spalle si è accorto dell’accaduto solo quando il corpo della ragazza era già stato risucchiato dal…

Leggere di più



Tecno-populista? Ma no,
il governo Draghi fa rotta altrove

Il populismo, volendo rappresentare una politica non partigiana, che si pone al di sopra delle parti e che per questo si circonda di un’aura di oggettività, rischia di piacere anche ai sostenitori dei governi tecnocratici, desiderosi di sbarazzarsi delle lunghe e inutili discussioni politiche, facendo leva su dati oggettivi, inconfutabili a tal punto da non consentire strade…

Leggere di più



Privacy, tamponi e green pass, vita difficile per viaggiatori vaccinati

Qualcuno ricorderà la sequenza de Il dittatore dello stato libero di Bananas di Woody Allen, nella quale il rivoluzionario squilibrato che ha appena preso il potere (nella versione italiana si chiamava Castrado, pensate) emana i suoi primi decreti: “Da oggi tutti i minori di diciott’anni [pausa] avranno diciott’anni!”, e “Da oggi le mutande si porteranno sopra i pantaloni!” (o…

Leggere di più



Bologna, effetto Renzi sulle primarie di coalizione

A Bologna i primi sondaggi sono assai ballerini e vanno presi molto con le molle. Quello di BiDiMedia per Bologna Today dà il candidato di punta del Pd, Matteo Lepore, al 51% contro il 29% di Isabella Conti, la sindaca di San Lazzaro lanciata da Matteo Renzi, e appena il 5% dell'altro candidato dem, Alberto Aitini. Quello commissionato da Italia Viva all'Emg di Masia darebbe…

Leggere di più


SPAGNA

Un poliziotto trattiene un'attivista Femen che protesta contro il partito di estrema destra spagnolo Vox fuori da un seggio elettorale a Madrid durante le elezioni regionali di Madrid il 4 maggio 2021.

rom campi nomadi

“Non dite rom, ma profughi o baraccati”.
La vita nei campi vista da dentro

Piazza dei Mirti, periferia est di Roma. Una debolissima pioggia accompagna l'incontro con Carlo Stasolla, presidente dell'associazione 21 luglio che ha recentemente scritto un libro singolare e di rara onestà intellettuale, “La razza zingara. Dai campi nomadi ai villaggi attrezzati: lo scarto umano in 25 anni di storia”. Stasolla si è innamorato di una donna romnì, l'ha sposata, con lei ha diviso la vita nei campi, sgombero dopo…

Leggere di più

L’inno all’essere al mondo,
le laudi alla vita di Marcoaldi

Nel 2015 esce Il mondo sia lodato di Franco Marcoaldi, una raccolta che, fin dal titolo, invita il lettore ad assumere un ruolo attivo, dandogli, al tempo stesso, molto a cui pensare. Che si tratti del 2015, del 1915 o dell’anno Mille, lodare il mondo in sé non è infatti impresa facile, e questo non solo per la violenza che agita la società umana sotto la sua apparente razionalità – la “banalità del male” di Hannah Arendt –, ma per la…

Leggere di più

Il viaggio di Michel Bussi: dal monte Ararat al Vaticano per salvare la terra

Monte Ararat e resto del mondo. Prima e ora. Verso il 2014-15 in alto sull’Ararat, almeno tremila metri sopra la pianura di Erevan e di varie frontiere, Estêre parla con Aman nel giorno del decimo compleanno della figlia, le regala una collana con un disco di rame attaccato a un laccetto di cuoio e spiega che così diventa anche lei guardiana del segreto millenario della loro famiglia e della loro tribù di pastori curdi, dal quale…

Leggere di più

I misteri di Mastro Titta
boia al servizio del Papa

Roma. 1869 e 1859. A gennaio 1869 il giornalista scrittore Ernesto Mezzabotta torna a trovare il 90enne Giambattista Bugatti,detto “Mastro Titta”, bevono insieme un rosso dei Castelli. La precedente visita gli aveva garantito l’uscita di un bel fascicolo di memorie e il libro aveva avuto notevole successo, Perini editore. Bugatti era stato il boia al servizio dei papa per quasi settant’anni, ha decapitato oltre cinquecento condannati;…

Leggere di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it