Americanarsi

Credo che il torto dell’età moderna sia di avere disgiunto l’arte e la bellezza dalla vita comune, di aver relegato tutte le più belle espressioni del sentimento artistico nei Musei e nelle Gallerie… Si permise che il popolo imbarbarisse in una ributtante volgarità, che s’infiltrasse la convinzione che noi moderni, pratici e spregiudicati, dobbiamo disprezzare tutto ciò che non interessa il nostro utile immediato; avvenne, se si potesse così dire, l’americanarsi della vecchia Europa.

Antonio Gramsci, inedito pubblicato dal Fatto Quotidiano

La sentenza sull’aborto è un “disonore” che getta un’ombra sul futuro dell’America

Domanda: può una notizia essere, al tempo stesso, sconvolgente e scontata? Se, facendo uso della logica formale (e dopo aver opportunamente consultato un dizionario dei sinonimi e contrari) la vostra risposta è: “assolutamente no”, evidentemente non avete seguito quel che in materia d’aborto è accaduto, o meglio, sta da tempo accadendo, negli Stati Uniti d’America. Più ancora: non avete seguito ciò che, da ancor più tempo, sta accadendo nelle più profonde viscere di quella che ama definire se stessa la più antica – ed ovviamente solida – democrazia del mondo. Una notizia sconvolgente e scontata La notizia è questa: ieri, per sei voti contro tre, la Corte Suprema ha dichiarato nulla la famosa sentenza Roe v Wade che, dal lontano 1973, aveva ratificato come intangibile “diritto…

Leggere di più

Allargamento dell’Unione europea, quattro pericoli da evitare

Quando fu raggiunto l’accordo su quello che sarebbe stato il Next Generation EU (NGEU), un piano e non solo un fondo per aiutare le economie dei paesi membri dell’Unione europea (Ue) colpiti dagli effetti della pandemia - l’allora ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz ebbe l’imprudenza di chiamarlo “un momento hamiltoniano”…

Leggere di più

La copertina di Lo rifarei, di Francesca Riccio

In vendita il nuovo libro di Strisciarossa. Acquista con Paypal o bonifico

Lo Rifarei
Vita di partito da via Barberia a Botteghe Oscure

Di Francesco Riccio, prefazione di Gianni Cuperlo, edizioni Strisciarossa, €15, spedizione compresa.

Un viaggio nel Pci, un omaggio a compagne e compagni con i quali Francesco Riccio ha trascorso (da militante – funzionario – dirigente) un trentennio. Dai successi elettorali nel segno di Enrico Berlinguer al declino dopo la sua scomparsa. Gianni Cuperlo nella prefazione coglie gli aspetti principali del racconto mentre Bruno Magno, storico grafico del Pci, li sintetizza nella copertina. Due omaggi all’autore per tanti anni loro compagno in quel viaggio.


Quei centristi che in Italia e Francia favoriscono l’estremismo di destra

I centristi un tempo riuscivano ad essere la soluzione alla polarizzazione – come dimenticare lo slogan preferito della Democrazia cristiana: “al centro contro gli opposti estremismi”? Si trattava ovviamente di bollare di “estremismo” le ali - di destra e di sinistra - per impedire che raccogliessero voti a sufficienza per impedire “la governabilità”. Impossibile dimenticare…

Leggere di più



Covid, la corsa inarrestabile della Omicron “buona” (forse)

Partiamo dai numeri. Nella settimana 11-17 giugno i nuovi casi di Covid a livello nazionale sono stati 198.327 (+37,7% rispetto alla settimana precedente) con una media giornaliera di 28.332 (da 20.566). La curva dei contagi sta salendo di nuovo e la causa probabilmente è la sottovariante Omicron BA.5. E’ la stessa variante che ha fatto impennare i casi in Portogallo tra fine…

Leggere di più



Di Maio, la parabola di chi doveva cambiare tutto ma certifica solo il fallimento del M5S

Date le circostanze, verrebbe facile adottare per Luigi Di Maio la definizione espressa dal titolo di un famoso romanzo di due secoli fa, “Un eroe del nostro tempo”, autore Michail Lermontov, un russo ahimè, protagonista, Grigorij Pecorin, lui pure russo, naturalmente e, per giunta, ufficiale dell’esercito zarista, un bravo ragazzo corrotto dalle esperienze della vita, un…

Leggere di più



La lezione della sinistra francese: lottare contro lo sfruttamento paga

È del tutto prematuro analizzare i dati complessivi delle legislative francesi, ma intrecciando quanto emerso in esse con quanto già risultava dalle recentissime presidenziali, dei ragionamenti possono essere azzardati. La sinistra, fra la popolazione che in modo nettamente maggioritario respinge Macron come il principale avversario, risulta dalle legislative una forza assai…

Leggere di più



“Blocco” di Kaliningrad, pericolosa partita per mettere all’angolo la Russia

Ma c’era davvero bisogno di aprire un nuovo fronte di tensione con Mosca? Le autorità russe hanno reagito con molta energia e con toni decisamente aggressivi a quello che definiscono il “blocco” di Kaliningrad da parte della Lituania. In realtà, si è andato chiarendo con il passare delle ore, non di un vero e proprio blocco si può parlare. I lituani – ha spiegato il ministro…

Leggere di più



Lo storico trionfo di Petro, candidato della sinistra in Colombia

Gustavo Petro è il nuovo presidente della Colombia . Il candidato del Patto Storico ha vinto con il 50,46 per cento per un totale di 11.278.437 voti, diventando il presidente più votato nella storia del Paese. Il suo avversario Rodolfo Hernández ha ottenuto il 47,29% con 10.569.258 voti. A un'ora e mezza dalla chiusura delle urne, in una domenica ricca di aspettative e…

Leggere di più


Morti bianche la strage senza fine

Si allunga il conto dei morti sul lavoro in Italia, con quattro nuove vittime registrate nella sola giornata di martedì 21 giugno. Si tratta di un operaio al lavoro sui binari travolto da un treno, di un uomo schiacciato da una matassa di ferro durante operazioni di carico-scarico, di un operaio edile 72enne caduto da un’impalcatura e di un ragazzo investito e ucciso da un trattore.

I dati Inail ci dicono che tra gennaio e aprile le denunce di infortunio sul lavoro presentate sono state 254.493 (+48,1 per cento rispetto allo stesso periodo del 2021), quando erano state 171.870. Di queste, 261 denunce riguardano morti.

 

“Siedimi accanto”, rivoluzione gentile con l’arma fragile della poesia

[[ Aspettano qualcosa, aspettano / lo strappo. L'hanno immaginato mille volte, / mille volte. / Parte dal guinzaglio o dalla bocca del cane / che lo morde, parte dalla fretta del passaggio. / Si apre piano prima, poi divora i giorni ]] Esiste un sottile confine tra il diritto del ricordo e la possibilità di una fuga, per quanto dolorosa. E' questo uno dei tratti caratteristici di “Estate corsara” di Alessandra Corbetta che ripercorre…

Leggere di più

“Troppe bandiere rosse”: storie di un film che Tornatore non ha mai girato

Fra il 1989 e il 1991, dopo il crollo del muro di Berlino, il PCI cambiò nome e l’Unione sovietica – lo Stato faro del movimento comunista mondiale – si dissolse come neve al sole. Giuseppe Tornatore immaginò di fare un film su quel mondo che scompariva: sulle persone che avevano creduto in una utopia che si rivelava come un gigantesco inganno. Persone che conosceva dall’infanzia, la famiglia allargata dei comunisti siciliani (e di…

Leggere di più

Maturità 2022: finalmente una sessione “normale” e al passo coi tempi

“Durata massima sei ore”. Così il Ministero dell’Istruzione conclude il documento ufficialissimo (dopo la consueta sarabanda d’ipotesi) con le sette tracce per la prova scritta d’italiano della maturità 2022. E comunque, nessuno dell’oltre mezzo milione di studenti potrà “lasciare l’Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla consegna delle tracce”. Tracce, non svolgimenti, quasi a rassicurare ancor di più il pueblo maturando,…

Leggere di più

Addio a Patrizia Cavalli, i suoi versi hanno incantato anche i social

In poche settimane, dopo Ivano Ferrari e Biancamaria Frabotta, ci lascia un'ulteriore protagonista della nostra recente poesia, Patrizia Cavalli. Probabilmente l'autrice più popolare, iconica. Così da ieri pomeriggio quei testi letti migliaia di volte sui social network campeggiano sulle pagine dei più, mentre già verso sera alcuni protagonisti delle nostre patrie lettere si affrettano a minimizzarne la tenuta letteraria in un subdolo…

Leggere di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it