Virus totalitario

Oggi, dopo le tristi esperienze subite, sappiamo che la società contemporanea rimane sempre esposta al virus totalitario: l’arco dei mezzi di persuasione e di dominio del consenso a disposizione del potere è amplissimo, le possibilità di corruzione delle libere coscienze sono infinite, la tecnologia più raffinata consente ora l’uso della violenza dolce e silenziosa, laddove prima funzionava la violenza bruta e l’annientamento fisico del dissidente.

Sandro Pertini