Ecco la poetica del lockdown,
questo tempo fragile e per noi spietato

Campi d’ostinato amore.  I cori che vanno eterni /tra la terra e il cielo, / ma tu li ascolti / Jacopo quei cori? / ho visto / il falco in volo / con la serpe / trafitta nella gola / dai curvi…



libertà

Viva la libertà

Viva la primavera che viaggia liberamente di frontiera in frontiera senza passaporto, con un seguito di primule, mughetti e ciclamini che attraversando i confini cambiano nome come passeggeri…