Quelli che non si chiamano come te


Io penso che anche il Ministro dell’Odio se fosse un migrante, vorrebbe solo essere accolto. Io penso che il Ministro dell’Odio se fosse ancora un bambino, vorrebbe entrare a scuola con gli altri…


Prospettive


Eravamo partiti che volevamo la rivoluzione mondiale, poi ci siamo accontentati della rivoluzione in Italia, di alcune riforme, e poi di partecipare al Governo, e poi di non esserne cacciati. Eccoci…


Perché il Manifesto
per la sovranità
costituzionale


La Brexit, l’elezione di Trump, il nostro referendum del 4 Dicembre 2016 e, dopo, i risultati di tutte le elezioni politiche nei Paesi europei segnano un passaggio di fase. La regolazione liberista,…


Morti sul lavoro:
la strage che non smuove
le coscienze


L’ultimo ammazzato dal lavoro si chiamava Eros Cinti. Aveva 42 anni, era padre di due figli piccoli di 6 e 11 anni. Due bambini, che sono stati travolti all’improvviso da una brutta storia più grande…


Da Platone ai 5 stelle:
così l’ apologia
dell’incompetenza


In un dialogo abitualmente poco considerato, Platone introduce un argomento che ben si adatta alla realtà politica del nostro paese. Quando nel corso di un’assemblea si tratta di decidere la…


La maschera di Grillo strappata dagli studenti di Oxford


Per avere il senso della condizione italiana, si può pure dire della sua drammaticità, bisogna leggere il resoconto del “Corriere della sera” su un viaggio di Grillo in Inghilterra. Ospite…


Kyenge, la condanna
di Calderoli segnale
ad un Paese alla deriva


Roberto Calderoli, chirurgo maxillo-facciale e odontoiatra di Bergamo, assurto a gloria politica, ai ministeri e alla vicepresidenza del Senato, assai corpulento e rosso in viso, preistoria della…


Corpo senza nervi


Prevedo la spoliticizzazione completa dell’Italia: diventeremo un gran corpo senza nervi, senza più riflessi. Lo so: i comitati di quartiere, la partecipazione dei genitori nelle scuole, la politica…


Vizi della politica


La corruzione, la negazione del diritto, il non rispetto delle regole comunitarie, l'arricchimento illegale, la giustificazione del potere mediante la forza o col pretesto arbitrario della ragion di…


Cattivi e pessimisti, ritratto degli italiani e l’incubo delle urne vuote


In Francia il tappo è già saltato: i “gilet gialli”, imbufaliti e privi per ora di veri leader, stanno devastando il Paese. Qui, no. Noi italiani per ora potremmo apparire tricolori: bianco-pallidi…


Perché non voglio
scrivere più
di politica


Non scriverò più di politica. Lascio “Strisciarossa” come ho già lasciato la direzione di “Italianieuropei” e “Lettera43”. Mi occuperò di politica come cittadino, voterò (a sinistra), parteciperò a…


Il linguaggio incoerente della politica dell’applauso


In direzione ostinata e contraria: che cosa mi fa sentire così straniera nel mio Paese, che cosa sento così ostile al contesto culturale in cui sono cresciuta, alle fondamenta illuministiche della…