Zingaretti trionfa alle primarie. Ora può rifondare il centrosinistra

Pochi, fino a qualche giorno fa, avrebbero scommesso sulle primarie del Pd. Nessuno, di sicuro, avrebbe immaginato che in una bella domenica di marzo più di un milione e mezzo di italiani si sarebbe messo in…


La sfida delle primarie
Ai gazebo Pd
contro la destra

Se è giusto definire, come ha fatto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, i 200 mila del corteo anti-razzista di People, un "momento spartiacque" nell'opposizione al governo xenofobo-sovranista, lo stesso…


La lezione abruzzese:
il centrosinistra perde ma è vivo

A rivederlo tre giorni dopo, all’indomani del voto regionale d’Abruzzo, l’abbraccio vicentino tra Di Maio e Salvini, condito persino da un fugace bacetto, mi ha fatto venire in mente La cattura di Cristo del…


Il Pd e le nebbie
tra liberali
e socialisti

C’è uno scarto bizzarro tra la realtà dello scontro che squassa il Pd e la rappresentazione di quel marasma. Si vuole che la turbolenza abbia natura ideologica e nasca dalla difficoltà di far convivere due…


Zingaretti, il Pd
e l'assoluta necessità
di voltare pagina

Voltare pagina, urla Nicola Zingaretti alla platea della Convenzione del Pd. Voltare pagina, ripete più volte nel corso di un intervento talmente appassionato da fargli quasi perdere la voce, con il sudore che…


Pd, se D'Alema
diventa un alibi
per non cambiare

Le polemiche aperte da alcuni settori del Pd (in massima parte renziani) dopo il convegno di Italianieuropei sulla sinistra possono apparire surreali, ma in realtà sono rivelatrici di una cultura politica…


Nel Pd ormai ci sono due partiti: siamo sicuri che devono stare insieme?

La travagliata vicenda delle candidature alle primarie del Pd dimostra non solo che quel partito ha perso buona parte dei contatti con la realtà e che ha ormai, come scrive Emanuele Macaluso, i piedi di…


Piedi di argilla

Il partito guidato da Renzi è crollato perché il Pd ha i piedi di argilla, non ha più solide radici nella società. È su questo versante che un congresso vero avrebbe dovuto discutere per decidere e votare sul…


Dopo LeU, mai più scissioni

E’ passata in cavalleria, così per dire, la vicenda di LeU, la forza di sinistra che avrebbe dovuto raggiungere le due cifre oppure almeno un 8% intercettando il voto già in uscita dal Pd e nel frigo…


Riforme e istituzioni
digiunare stanca

Premessa: lo sciopero della fame per la legge elettorale non ha molto senso. Almeno qui in Italia, dove dissentire in modo eclatante anche su un tema istituzionale non espone a rischi di carcere o di altre…