Da Di Battista
ai Tredicine

Salva di cappelli in aria per il beau geste di Di Battista che, dice, non si candiderà. Il pubblico di sinistra è il più buono e meno malizioso del mondo: sempre pronto a riconoscere la bellezza di atti di…


L'eterno ritorno
del Cavaliere

A volte ritornano. Senza disturbare la prosa di Stephen King, basta fare un sacco di promesse (che in una terra sofferente come la Sicilia è operazione assai facile), addentare arancini e fette di torta alla…


La veronica
a cinque stelle

Ora, almeno, il simpatizzante di sinistra sa cosa votare, nel caso sempre più frequente la partita elettorale locale si giochi tra l’iper-destra classica e la nuova destra estrema che fa capo a Grillo. Il…


Dopo voto
da un post e via

Pronti, via alla pappa precotta, via con le dichiarazioni lapidarie che ciascuno teneva nel cassetto, perché tutti sapevano come sarebbe andata a finire, ma chi se ne frega di saperlo prima, è il commento a…


Berlusconi e gli altri
l'ora della crisi

Non gonfia le vele della flotta di centrodestra il vento in poppa che dovrebbe spingerla verso una sostanziosa affermazione alle ormai prossime elezioni politiche stando a studiosi, analisti e sondaggisti, che…


L'Osce e l'Italia
i due pesi del leader

Non è vietato chiedere per le elezioni regionali siciliane – come ha fatto il leader a 5 stelle Luigi Di Maio - l’intervento dell’Osce. Ma sarebbe utile mantenere un'attenzione alle proporzioni e un po’ di…


Leggi elettorali
senza anima

L’ultima è questa, il Rosatellum punto due: 231 seggi col maggioritario, 386 con il proporzionale. Listini bloccati con pochi nomi (2-4). La precedente versione prevedeva 303 seggi della Camera assegnati con…


Crollo Spd, Merkel si salva
La destra vince
sul terreno della sinistra

La CDU di Angela Merkel crolla di 8 punti, la SPD precipita nel disastro, col peggior risultato da quando esiste la Repubblica federale, e l’estrema destra di Alternative für Deutschland diventa il terzo…


Chi (e con chi) governerà a Berlino

Pur se la cosa potrà non piacere a qualcuno dalle nostre parti, la sera delle elezioni in Germania non si saprà già chi governerà. D’altronde, sono esattamente sessant’anni che funziona così: nella Repubblica…