antonio costa

In Portogallo
vincono i socialisti
La destra si lecca le ferite

Il piccolo Portogallo ha dunque votato. E le previsioni della vigilia sono state confermate. Il centro sinistra ha vinto ampiamente grazie al successo del partito socialista che ha raggiunto il 37% dei voti e…


Incertezza in Germania dopo il voto in Brandeburgo e Sassonia

Ancora una volta le elezioni regionali tedesche pongono il tema: la destra ha sfondato? E' stata contenuta? Cosa significano i numeri provenienti da Sassonia e Brandeburgo? In Brandeburgo la Afd è cresciuta…


Ppe non caccia Orbán.
Per gli xenofobi di Fidesz solo "sospensione"

Viktor Orbán e il suo partito ultranazionalista e xenofobo Fidesz restano nel PPE. L’assemblea dei partiti popolari d’Europa, riunita ieri a Bruxelles, non ha avuto il coraggio di espellere il leader…


Assia, giù Cdu e Spd
La vera novità
è l'avanzata dei Verdi

Angela Merkel traballa ma non cade. La große Koalition incassa una mazzata equamente distribuita tra le sue due componenti (meno 11% la CDU e meno 10 e rotti anche la SPD) ma, almeno per ora, non è alle viste…


Anche in Germania soffia
(non solo a destra)
il vento dell'antipolitica

C’era una volta la stabilità della Germania: partiti consolidati, alleanze prevedibili, istituzioni forti, governi con maggioranze di ferro. Alla vigilia di un appuntamento elettorale che potrebbe segnare una…


Se l'immigrazione fa bene all'economia

Dal 2015 nessun Paese europeo ha accettato così tanti di richiedenti asilo, in proporzione agli abitanti, come ha fatto Svezia. E nessuno, in numeri assoluti, più della Germania. A seguire, gli altri Paesi del…


Nasce (con un brivido)
il nuovo governo Merkel

Per Angela Merkel una rielezione col brivido. Quando il presidente del Bundestag Wolfgang Schäuble ha letto il risultato della votazione c’è stato un attimo di gelo: la cancelliera vecchio-nuova si è fermata a…


Ultimo ballo
di 2 elefanti stanchi

Questa è la prima settimana del nuovo governo tedesco. Con l’elezione di Angela Merkel a cancelliere e il giuramento dei nuovi ministri, il Bundestag, il parlamento tedesco arrivato alla diciannovesima…


Passo indietro di Schulz
È bufera nella SPD

E adesso, povero partito? Ci vorrebbe Hans Fallada, che tanto bene descrisse disperazione e lacerazioni del popolo minuto tra la prima guerra mondiale e il nazismo, per raccontare quello che sta succedendo…


In Germania l'incognita
della base SPD

È finita l’era Schäuble. È questa la novità più importante che è uscita dall’ultima, faticosissima maratona per la costituzione della terza groβe Koalition tra la SPD e i due partiti democristiani in Germania.…


Germania, la Spd vota sì alla grande coalizione

La Spd sceglie di negoziare con la Cdu e la Csu la formazione di una nuova groβe Koalition. Con 362 sì, 279 no e un astenuto i 642 delegati del partito convocati a un congresso straordinario a Bonn hanno dato…


I rischi della Spd tra
coalizione e nuovo voto

“Martin, hör’ die Signale!”, ovvero: Schulz stacci a sentire. I congressi degli Jusos, i giovani della SPD, sono sempre alquanto vivaci e mai facili passerelle per i dirigenti socialdemocratici. Stavolta…