Quella tenerezza da sognatore anarchico che cantava graffi indelebili. Così era Claudio Lolli

A Bologna, nel 77, non si dormiva. Quell’anno era una specie di alba non matura, persistente, che tuttavia si offriva come tappeto quotidiano, lungo un numero indefinito di ore, su cui giocare un…