Solo un operaio

Sono solo un operaio lungo la massicciata, il mio pane sa di polvere la mia acqua è salata e lavoro per la ruggine e respiro il carbone, costruisco per niente e non ne vedo la fine.
Sono qui che guardo fuori senza troppo pensare, vedo cadere la cenere, vedo il fumo che sale e non c’è niente da nascondere niente da svelare niente da tenere stretto, non c’è niente da lasciare. Povero cuore, come uno straniero giro la mia terra abbandonata, abbandonato e solo e vado per la vita a passo d’uomo.

Francesco De Gregori