Scelta di vita

Io volevo combattere il fascismo. Sopratutto dopo la morte di mio padre, non sapevo che farmene delle parole e basta. Ma quasi tutti i vecchi liberali erano emigrati all’estero, e quelli rimasti in Italia non volevano affrontare l’attività illegale. I comunisti erano i soli a combattere.  La mia fu una decisione travagliata. Ci pensai su quasi due anni… Quando Ernesto Rossi venne a cercarmi perché organizzassi a Napoli Giustizia e Libertà, io m’ero ormai deciso a iscrivermi al PC. Infatti mi ci iscrissi dieci giorni dopo, il 7 novembre 1929.
Giorgio Amendola