Nessun dialogo con chi è brutto dentro

Nella mia ormai lunga vita mi è capitato spesso di parlare animatamente con persone che non la pensavano come me, o altrettanto spesso, e sempre animatamente, con persone che stavano dalla mia stessa parte. Ne uscivo io con un giudizio su di loro, e loro con un giudizio su di me. Solo raramente però ho provato disprezzo per le persone che intercettavo sia nella parola detta sia nella parola scritta.

Oggi mi capita di provare ribrezzo per le parole che ascolto in tv o che leggo sui social dei militanti della Lega e del Movimento 5 stelle. Parlo di disprezzo verso quel famoso popolo di fronte al quale dovremmo inchinarci e, per quelli di loro che vengono dalle nostre fila, prepararci a chiedere scusa. Vorrei usare una espressione che è stata la loro traccia culturale in questi anni di ascesa del grillismo: andate affanculo.

Io sono convinto che serva un processo politico che ricostruisca la sinistra su basi nuove, che veda in campo il moderatismo costituzionale, che sappia raccogliere il grillismo che si è reso conto della bassa macelleria in cui si è infilato. Ma in questo momento non è possibile e non si deve dialogare con leghisti e grillini. Devono sentire crescere un disprezzo popolare e personale. Pensare, dire e scrivere le cose che pensano, dicono e scrivono sui migranti e sui meridionali li mettono fuori da ogni possibilità di dialogo. Non c’è torto dello Stato, non c’è cazzata di Renzi che giustifichi le cose orrende che siamo leggendo e ascoltando.

E parlo non di persone prive di alfabetizzazione. No, spesso si tratta di professionisti, di gente di spettacolo, di colleghi della carta stampata e della tv che apparivano ieri umani e che oggi sono diventati dei mostri viventi, scheletri che si ribellano.
C’è anche molto opportunismo. Lo vediamo soprattutto fra i nostri colleghi, soprattutto della tv. Primum vivere, dicono pensando al contratto da rinnovare, alla carriera da fare, all’apparizione in video da supplicare. Ma non ci sono solo questi servizievoli colleghi. Ci sono quelli che ci hanno scassato i cabbasisi in questi anni in nome della legalità, della onestà, che si sono coperti dietro i nomi di Rita Borsellino, di Emergency, di Zagrebelsky, del povero Rodotà. Nessuno di loro, leggere il Fatto, please!, ha un sussulto di umanità, prova pietà per i disgraziati. Il tema è l’aereo di Renzi, la famiglia di Renzi, domani il figlio calciatore di Renzi.

Siete voi che siete brutti dentro. Io credo che questo paese si riprenderà e rifiuterà quella guerra civile verso cui ci vogliono portare. Avremo momenti duri ma poi la pace riusciremo a imporla anche ai facinorosi. Ma con un punto chiaro: non si faranno prigionieri. Chi ha contribuito a creare questa situazione politica osannando Salvini dovrào essere da noi considerato nemico per sempre.