Genova

“Crolla un ponte, / Crolla una strada,/[…] Crolla la fede / Nel cielo, /Nel destino,/ Nella vita. / Crollano le braccia /Di chi sta spalando,/Crolla, pesante, / Lo sconforto / Sulle nostre spalle.
Tutto crolla, /Tranne noi./ Gente dura, /Inospitale, /Musoni e /Testardi./ Per chi non ci conosce./ Lavoratori,/ Camalli, / Portuali,/ Carbonai. /Artigiani, /Banchieri,/ Capitani /e Marinai. /Agricoltori sulle rocce.
Insiste,/ Inutilmente, / Il cielo /Sulla nostra città.
Che da acqua, /Fango, /Macerie
e Bombe, /è sempre uscita.[…]”

(Poesia di autore ignoto)