Da Edison a Spotify ovvero
dal fonografo dell’ottocento ai bit