Incertezza in Germania dopo il voto in Brandeburgo e Sassonia

Ancora una volta le elezioni regionali tedesche pongono il tema: la destra ha sfondato? E' stata contenuta? Cosa significano i numeri provenienti da Sassonia e Brandeburgo? In Brandeburgo la Afd è cresciuta dal 12,2% al 23,5%, in…


Taglio dei parlamentari,
è solo una scelta
irrazionale e populista

Nelle trattative per il possibile nuovo governo molta attenzione è sequestrata dal taglio dei parlamentari. Come sappiamo il M5S deve farne una propria battaglia, anche perché Salvini sbandiera il proprio assenso a questa…


La svolta di Corbyn:
contro Johnson
e la Tory Brexit

Da storico ho spesso constatato che, dopo avere lungamente consultato ricostruzioni e storiografia, è illuminante tornare alle espressioni esatte dei protagonisti. Nel caso specifico della Brexit ciò sarà meno definitivo poiché…


socialdemocratici danesi vittoria

In Danimarca,
la sinistra vince
con nuove idee

Seguendo la vittoria della socialdemocrazia danese diamo anche un’occhiata ai titoli dei media italiani, e notiamo almeno due imprecisioni. La prima è che la sinistra danese avrebbe vinto grazie solo alle restrizioni…


Fa male alla sinistra
la grande coalizione
che regna in Europa

Purtroppo l’arretramento della sinistra europea non è nemmeno più una notizia. Pur se con differenze nazionali, esso peraltro si accentua nelle elezioni europee. In queste infatti si sommano l’impianto ordoliberale fondamentale…


Il voto finlandese
e la nuova sfida
per i socialisti

Anche le elezioni finlandesi di domenica scorsa confermano in diversi modi le caratteristiche di deterioramento della politica europea. Interessante per esempio l’analisi del professor Miettinen dell’Università di Helsinki: egli…


Governo anti-populista in Svezia, ma la sinistra rischia grosso

La peggiore crisi politica nella recente storia svedese è stata risolta. Dopo quattro mesi e due tentativi di governo affondati c’è un governo di minoranza socialdemocratico-verde sostenuto da “astensioni parallele”: centristi e…


Svezia, la sinistra tiene
ma il pericolo
viene dall'ultradestra

In questa elezione svedese non c’è nulla da esultare. Nessuno “scampato pericolo” per le sinistre, per il “modello sociale nordico”, per una crescita economica meno disumana e precarizzante, per una regolazione dei flussi…


Il caso Svezia: meno
diritti sociali producono
più xenofobia

Seguendo la campagna elettorale svedese colpisce, tra i molti validi, uno studio della grande confederazione sindacale LO intitolato Högerpopulismen och jämlikheten (Populismo di destra ed eguaglianza). L’alleanza paritaria fra…


In Europa finisce un modello politico sociale

Le elezioni di marzo e la gestione dei due mesi seguenti stanno producendo un esito senza dubbio dirompente sul nostro sistema politico, ma è meglio distinguere l’analisi dall’indignazione. Specie quando da decenni ci si adonta…


Così si è dissolta
la sinistra italiana

Non serve, soprattutto come autoassoluzione, dire che l’italiano è congenitamente attratto dal deteriore populismo. In Svezia ed Austria (nonostante economie molto più vitali) il nazionalpopulismo oltrepassa la Lega come voti e…


Immigrati, smettiamola
d'inseguire post-verità

Quando l’intolleranza e la violenza colpiscono in modo feroce e fascista è impossibile non cominciare innanzitutto da una condanna, e anche da una violenta repulsione. Questo sentimento di civiltà politica deve rimanere…