Espulsione

Quando nel '38 mio padre Alberto mentre eravamo a tavola mi disse, 'Liliana da domani non puoi più andare a scuola', usò questa frase 'sei stata espulsa'. Potete immaginare quale siano i miei sentimenti quando risento la parola espulsione... Con tutto l'odio che ho visto e ho provato sulla mia carne allora e di cui rivedo segnali oggi, resto comunque contenta di essere stata una vittima e non una dei carnefici.

Liliana Segre

Roma e i rifiuti in fiamme
Non complotto ma
disastro annunciato

Pantomima è il termine che mi viene in mente a proposito dell’atteggiamento di Virginia Raggi e del governo nazionale di fronte all’incendio divampato nel TMB di via Salaria a Roma. Il disastro colposo su cui indaga la magistratura è un disastro ampiamente annunciato. Quell’impianto che dovrebbe assicurare un “trattamento meccanico biologico” dei rifiuti indifferenziati, stabilizzandoli in cdr (rifiuti organici da bruciare per produrre energia), in FOS (frazione organica stabilizzata) e metalli ferrosi e non ferrosi (alluminio) è certificato che da tempo non riusciva ad assolvere il proprio compito. Il TMB riceveva più di quel che poteva trattare, 600 tonnellate al giorno, 160.000 nel 2017, per vasche da una capienza limitata a 200 tonnellate. La fossa in cui venivano conferiti…

Leggi di più

Brexit, Macron, Italia
le tante crisi europee
e la crisi dell’Europa

Che cosa sta succedendo nei maggiori paesi dell’Unione europea?  Emmanuel Macron ha fatto una clamorosa, e umiliante, marcia indietro davanti alla minaccia della rivolta dei gilè gialli? Oppure, da politico avveduto, ha trovato il coraggio di esercitare in pubblico l’autocritica per una politica economica sbagliata e annunciare le…

Leggi di più


Congresso Nidil-Cgil:
i troppi precari segnalano
la crisi del Paese

E’ l’unico sindacato contento quando perde un iscritto. Ovvero quando in un’azienda un lavoratore, magari dopo anni di gavetta, ottiene un contratto a tempo indeterminato.  É il Nidil-Cgil. È il sindacato chiamato ad un compito immane. Quello di organizzare appunto le “Nuove Identità Di Lavoro”. Ovvero i  lavoratori cosiddetti atipici, i collaboratori, quelli che un tempo si…

Leggi di più



Il governo della ferocia: ruspa e sgomberi, e gli ultimi vanno per strada

L'ultima conseguenza del decreto Salvini è andata in scena all'alba di ieri, sulla via Tiburtina, altezza san Basilio, a Roma. Proprio in occasione del settantesimo anniversario della dichiarazione dei diritti umani, si è deciso di buttare persone povere e deboli in strada. Lì c'è un vecchio rudere, la prima fabbrica italiana della Penicillina, la Leo, che fu inaugurata nel…

Leggi di più



Dall’Italia dei rifugiati
anti-Pinochet a quella
di Salvini & co.

Tre o quattro cose che son successe in Italia intorno a questo 10 dicembre, settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’ONU. Amnesty International ci dedica un rapporto severissimo, con argomenti e toni che si dedicano, usualmente, ai paesi dove democrazia politica e libertà civili sono bandite. In Italia le migrazioni sono gestite in maniera…

Leggi di più



Colpo di mano di Salvini:
trasforma il Viminale
in un nuovo Palazzo Chigi

Invasione di campo. Non solo per i temi e gli interlocutori ma proprio per il luogo in cui ha avuto luogo. Matteo Salvini ha deciso di giocare in casa un altro anomalo tempo della sua perenne partita con (contro?) il collega Luigi Di Maio. E per sancire la sua supremazia nel governo giallo-verde ha invitato al Viminale, la sede del ministero dell’Interno, una folta delegazione…

Leggi di più



Cattivi e pessimisti, ritratto degli italiani e l’incubo delle urne vuote

In Francia il tappo è già saltato: i “gilet gialli”, imbufaliti e privi per ora di veri leader, stanno devastando il Paese. Qui, no. Noi italiani per ora potremmo apparire tricolori: bianco-pallidi per la paura, rossi nei momenti in cui emerge la rabbia, verdi quando la collera è repressa e impotente. Ecco lo spettro (cromatico e non solo) che s’aggira per l’Italia, in base…

Leggi di più



Non è con questo Pd
che si potrà fermare
il governo giallo-verde

Sia consentito ad un osservatore esterno dubitare che il Pd sia minimamente in grado di contrastare l’ascesa di Salvini e della destra etnica. E poichè la sinistra nella sua interezza non sembra messa meglio, da questa constatazione dovrebbe partire ogni onesto progetto per tentare di sottrarre l’Italia al suo scivolare verso sconosciuti abissi. Del Pd colpisce lo scarto tra…

Leggi di più


“La diffusione delle dipendenze
non si ferma con la repressione”

“La competizione sociale ci spinge a voler forzare le tappe. Tutto si è spostato in avanti e tutto si è anticipato. Si ubbidisce a un’ipertensione emotiva che fa sì che nascano esigenze in fasce d’età che dovrebbero attendere con pazienza l'esperienza o mitigare queste esigenze. In questo contesto si sviluppa il mercato delle dipendenze”. Il dott. Giuseppe Montefrancesco è il Responsabile dell’Unità Operativa " Prevenzione del disagio…

Leggi di più

Donne di carta del Poligrafico di Foggia
La fatica e la libertà incollate alle mani

E’ un’inchiesta su una grande fabbrica meridionale, in particolare su un pezzo di mondo femminile operaio. Ed è anche un romanzo avvincente. Gli elementi ci sono tutti. Il titolo fa un diretto riferimento alle protagoniste “Donne di carta, Il Poligrafico nei documenti dell’Archivio di Stato di Foggia e nei ricordi delle lavoratrici” (edizioni Il Castello). Una fabbrica davvero singolare questa raccontata con grande cura da Mara…

Leggi di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it