Il fascismo

Ti voglio dire questo: la cosa dannosa del fascismo è che induce gli imbecilli a credersi molto furbi. Quanto più uno è idiota, tanto più il fascismo lo fa sentire orgoglioso di sé.

Ci sono iniziative da tutte le parti, inaugurazioni, bandiere, preti, fútbol e molto silenzio.

Ti tranquillizza non dover pensare, e finisci schiavo di un principe fantoccio.

Osvaldo Soriano

Da 44 milioni di italiani quaranta milioni di cure private. I più poveri s’indebitano o vendono casa

Ci sono due dati che colpiscono l’attenzione di chi legge il Rapporto Censis-Rbm Assicurazione Salute 2018 che fotografa la condizione del servizio sanitario in Italia a 40 anni esatti dalla sua istituzione, avvenuta con una legge approvata dal Parlamento il 27 dicembre 1978. I due dati appaiono sconcertanti. Chi ha un aggettivo migliore per descriverli, si faccia avanti. Il primo dato è di tipo sociale: nel 2107 sono stati 44 milioni gli italiani che hanno dovuto tirare quattrini dalle proprie tasche per comprare farmaci o accedere alle cure, di ogni genere, comprese quelle ospedaliere. Questa spesa privata ha raggiunto i 40 miliardi di euro. Erano 37,3 nel 2016. Per contro lo stato investe all’incirca 115 miliardi per la sanità. Dunque con le nostre risorse private copriamo…

Leggi di più

Stadio, il Campidoglio va avanti. Ma qual è l’interesse di Roma?

Virginia Raggi è sempre più sola, asserragliata in Campidoglio. I suoi cominciano a pensare se non sia arrivato il momento di scaricarla. Anche il ministro della giustizia annuncia che se condannata per la vicenda Marra (ricordate? Sembrano passati anni) lei si dovrà dimettere. E il vicepremier Di Maio si dichiara insoddisfatto della sua…

Leggi di più


Bari, giudici in tenda. La Dia sgomina una cosca

Una città dove la giustizia è stata capace di abbattere l’ecomostro di trecentomila metri quadrati di cemento armato abusivi, in riva al mare a Punta Perotti, non può non essere in grado di assicurarsi un tetto sotto il quale quella stessa giustizia deve essere amministrata. È quello che è accaduto a Bari, metropoli delle contraddizioni e delle vergogne con i processi che si…

Leggi di più



Il bombarolo, l’Italia
e il silenzio a 5 stelle

Può anche darsi che Matteo Salvini, mentre Elisa Isoardi stira le camicie per sé e per lui, le confidi in anteprima  “sparo una cretinata sull’anagrafe dei rom, così quei fessi della sinistra ci cascano mani e piedi e io mi prendo un altro tre per cento”;  può darsi davvero che il suo puzzolente tiro alla fune con la paura degli italiani – ieri i migranti e i porti, oggi i…

Leggi di più



Rossi e Nardella: tutti contro il razzismo

Il nuovo governo si è subito contraddistinto per la sua propaganda basata sulla discriminazione razziale ed etnica. Certamente il numero uno di questa propaganda è il Ministro dell'Interno, nel silenzio sconvolgente e accondiscendente dei suoi alleati. Questa propaganda manipola e distorce il linguaggio con metodo scientifico. Usa le ansie, le paure, le fragilità dei…

Leggi di più



Salvini contro i Rom
Italia isolata nella Ue

Matteo Salvini parte all’attacco dei Rom e rende ancor più difficili i rapporti con l’Unione Europea. L’idea del censimento per separare i nomadi che “purtroppo ci dobbiamo tenere” da quelli che si possono deportare (dove?) è contraria non solo alla Costituzione italiana, che espressamente vieta i censimenti su base etnica, ma anche alle regole europee, come qualche anno fa le…

Leggi di più



Italiana e straniera
questa la mia ricchezza

Mi chiamo Sara Rouibi, ho 27 anni e sono nata e cresciuta a Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna. Svolgo un master in diritto delle migrazioni e sono consigliera comunale nella mia città. La mia passione principale, resistente a tutto, talvolta anche allo scontro con la realtà, è la politica, vissuta come un’attività che mi permette di pensare alla costruzione…

Leggi di più



Ministro Salvini siamo uomini o caporali?

Ma bravo Matteo Salvini che vuole stare “controcorrente”. E così cancella con un colpo di spugna le immagini delle baracche del sud. Quelle dove hanno assassinato Sacko Soumaila, il 3 giugno. Quelle baracche dove i cosiddetti “caporali”, malgrado la legge in vigore, riescono a pagare l’esercito dei fratelli di Sacko 1 o 2 euro all’ora. Tale legge, infatti, stenta ad…

Leggi di più


MIGRANTI, GAY, ABORTO, ZINGARI… Dal governo gialloverde non si è levata nessuna voce sui morti del lavoro, uno al giorno… uno al giorno Borgo Montello (LT), 01/01/2012: Capodanno nel campo Rom “Al Karama.  Foto Andrea Sabbadini

 

Lucio Magri, cronache dalla rivolta
del Sessantotto francese

Fino a poco tempo fa in Italia esistevano una serie di figure, donne e uomini impegnati nel discorso pubblico, figure intellettuali e politiche insieme, personaggi spesso eclettici e dotati prima ancora che di forti ideologie di formidabili visioni. Persone dense, forti e fragili allo stesso tempo, passionali e incredibilmente curiose. Per un certo periodo in Italia appariva normale che se si facesse politica, che se ci si impegnava…

Leggi di più

La lontana sicurezza
dei nostri genitori

Cosa ci fa svegliare al mattino e ci riempie di domande, se non la nostra immagine allo specchio? Cos’è che ci fa sentire sicuri, nella costruzione di relazioni stabili e di una casa accogliente? L’idea stessa di sicurezza può essere messa in discussione, o siamo solo una generazione costantemente insoddisfatta, alla continua ricerca della pagliuzza nel fienile? L’impressione comune, del resto, è che i nostri genitori abbiano avuto una…

Leggi di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it