Fascismo

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità di attuare la sua volontà. A questo si arriva negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti.
Primo Levi

L’aristocrazia ha costruito i castelli, la borghesia le fabbriche, il popolo le scuole

Le definizioni di "populismo" si sprecano, la parola "popolo" può essere usata in tanti modi diversi. A me interessa qui cercare di capire quale immagine abbiano del popolo coloro che se ne riempiono la bocca e dichiarano di agire a suo nome (questo riferimento è il motivo per cui frange della sinistra hanno guardato con simpatia i grillini e un tempo perfino la Lega, ritrovandovi - chissà - il ricordo della vitalità perduta). Comincio dall’impresa più recente del Governo. Hanno tolto i finanziamenti stanziati dal governo precedente a quelle periferie “popolari” che li hanno votati in massa. Sono convinti che il popolo-abitante delle periferie non si informi?  Che lo si possa gabbare a piacimento, dissimulando il taglio nelle pieghe di un provvedimento omnibus? Strutturale è…

Leggi di più

Il premier bambolina

Un premier-bambolina, un vice premier che mangia e sbevazza nei giorni di Genova, un ministro Tontolino, infine un altro vice premier che non ha ancora capito se comanda qualcosa o l’hanno messo là per fare la bella statuina di qualche nota sartoria di Napoli. Questo è il governo italiano. Quello su cui vorrei soffermarmi oggi è il…

Leggi di più


Lettera per Riace, il paese dell’accoglienza boicottato dallo Stato

Carissimi, vi scrivo per questo problema di Riace che mi tiene sveglia la notte per la rabbia e l'impotenza. Sappiamo tutti che è un paese modello, Riace;  grazie all'accoglienza, ora pieno di neonati e adulti che erano neonati quando sono sbarcati a Riace e accolti da un sindaco intelligente che con loro ha ricostruito e ricreato un paese morente. Ora  il sindaco fa lo…

Leggi di più



Storia di una professoressa e di un bimbo rom

Cara strisciarossa, Sono un’insegnante elementare in pensione e collaboro con la Comunità di Sant’Egidio per l’inserimento dei bambini rom nella scuola. La storia del bambino che seguo nello studio e di una sua insegnante fa particolarmente onore a quest’ultima, specialmente in tempi in cui gli insegnanti, come del resto anche i bambini rom, sono spesso bersaglio di critiche…

Leggi di più



Le tante domande in questa Italia dei ponti che crollano

C’è chi ha detto che il crollo senza preavviso del “viadotto Morandi” a Genova sia un “fallimento dell’ingegneria”. Certo non è stata una fatalità. Come ricorda Renzo Piano – senatore a vita, grande architetto e genovese – il crollo di un ponte non è mai una fatalità. Tanto meno il crollo di un ponte che aveva appena cinquant’anni. Nessuno conosce ancora le cause specifiche di…

Leggi di più



Il caso Svezia: meno
diritti sociali producono
più xenofobia

Seguendo la campagna elettorale svedese colpisce, tra i molti validi, uno studio della grande confederazione sindacale LO intitolato Högerpopulismen och jämlikheten (Populismo di destra ed eguaglianza). L’alleanza paritaria fra sindacato e sinistra socialdemocratica è stata per oltre un secolo pietra angolare della grande trasformazione svedese da paese fortemente…

Leggi di più



Caporalato, le colpe
della grande
distribuzione

Dopo la morte di 16 lavoratori africani nelle campagne pugliesi, finiti schiacciati come topi in miserabili furgoncini, mi è tornato in mente il mio primo lavoro di ricerca sul tema del collocamento agricolo. Si trattava di svolgere una ricerca sul campo, nel Salento, a cui collegare poi una analisi tecnico-giuridica della legge n.83 del 1970 emanata, assieme agli artt.33-34…

Leggi di più



Quando il potere cade
nelle mani irresponsabili
di stregoni e fattucchiere

In uno studio organico dedicato alle filosofie del populismo, Nicolao Merker faceva rientrare l’ostilità alla conoscenza critico-sistematica tra le specifiche caratteristiche dei movimenti populisti. Con la dimestichezza multidisciplinare vantata dal presidente del consiglio, a suo agio oltre che con i rituali di padre Pio anche con il metodo stamina, e con il pasticcio del…

Leggi di più


CROLLO DEL PONTE MORANDI.

Anche se voi vi credete assolti
Siete lo stesso coinvolti.

(Fabrizio de Andrè)

 

Ci lascia Claudio Lolli, lo zingaro felice e impenitente che cercava amore e sinistra

E' morto Claudio Lolli, poeta e menestrello di diverse generazioni generazioni. Aspro e dolce, innovativo e tradizionale, sorprendente sempre. Ci lascia un patrimonio di canzoni singolari e molto cantate,  ma nessun compromesso. Ripubblichiamo l'intervista che gli fece Toni Jop per Strisciarossa il 13 novembre 1917 Ha qualcosa di strano la grande avventura artistica di Claudio Lolli. Perché, quando meno ci pensi, ti accorgi che è…

Leggi di più

Tutti al Palio di Siena
col Drappellone scomunicato

Non c’è angolo dell’italica patria nel quale non consumino feste, riti e mise en scène dal sapore medievaleggiante. Tanto più oggi che si torna a speculare, come nei tempi andati, sull’identità nazionale, bisognosa per reinventarsi, di continui rattoppi.  Ce ne sono per tutti i gusti. Guai però a mettere il palio di Siena in questo mucchio, guai a non distinguere le rievocazioni fasulle da feste di metallo prezioso. Lo ripeto, anche…

Leggi di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it