Squarci

Non possiamo più sacrificare l’oggi al sole dell’avvenire. Ma possiamo oggi aprire degli squarci di luce; dimostrando qui e ora che è possibile, magari in un punto soltanto, trasformare l’esistente, e in questo mondo, la condizione della persona, la sua opportunità di autorealizzarsi anche partendo da uno stato di emarginazione, segnato da innumerevoli handicaps. Partendo da questi squarci di luce è possibile che si faccia giorno: che ognuno veda e conosca l’altro...

Bruno TrentinDai "Diari 1988-1994", Ediesse

L’Italia per la sanità spende
il 30 per cento in meno
degli altri Paesi europei

La sanità italiana non ha un problema di sostenibilità quanto piuttosto di equità. Federico Spandonaro, professore di economia applicata all’università Tor Vergata di Roma e presidente di, Consorzio per la Ricerca Economica Applicata in Sanità, è chiaro: nonostante se ne parli spesso, quello della sostenibilità è un falso problema. In primo luogo perché l’Italia spende poco per la sanità, circa il 30% in meno di quello che spendono in media gli altri Paesi dell’Europa occidentale. Un divario che è aumentato negli ultimi anni portando l’Italia verso le quote di investimento dell’Europa orientale. Del resto, quando un Paese non cresce economicamente, la tendenza è quella di disinvestire sul welfare, esattamente come sta accadendo ai paesi dell’Europa orientale e all’Italia. In…

Leggi di più

Salvini vuol fare
il “fascistizzato”
ma non ne è capace

Se non fossimo noi di sinistra impelagati in discussioni inutili, in cene impossibili, in scioglimenti auspicati potremmo guardare a quel che accade nel mondo dei facinorosi di governo con maggiore interesse e con qualche speranza. Leggere i giornali di destra è uno spasso. Sallusti, sul quotidiano di casa Berlusconi, attacca ogni due…

Leggi di più


Bannon, il guru fallito idolo di Salvini e Meloni all’assalto dell’Europa

Steve Bannon ha preso casa nella tana del lupo, a Bruxelles,  e ha messo su la sua “cosa”. L’ha chiamata, con studiata vaghezza, The Moviment e ne ha affidato la guida a Mischaël Modrikamen, un oscuro avvocato belga specializzato in cause contro le banche e fondatore di un altrettanto oscuro Parti Populaire (Personenpartij in neerlandese: partito delle persone) che si…

Leggi di più



India? No, il NYt svela la Puglia delle lavoratrici sfruttate

È raro che il New York Times dedichi un reportage all’Italia, a meno che non si parli di “smarter living”, ricette del giorno e meravigliosi borghi e angoli di mare. Ed è proprio a uno dei brand di maggior successo globale, quello del made in Italy, che due giornaliste del mondo della moda, Elizabeth Paton e Mirella Lazazzera, dedicano il reportage pubblicato il 21 settembre.…

Leggi di più



Sogesid, sui 400 esuberi il Generale-Ministro risponda ai sindacati

E’ una delle più grandi aziende di Roma, la Sogesid, con oltre 400 dipendenti. Che ora rischiano  di essere trasformati in 400 “esuberi”. Cioè licenziati. Senza che l’autore, il licenziatore, il ministro (dicastero dell’Ambiente) già generale dei Carabinieri, Sergio Costa, ora passato nelle schiere dei 5 stelle, senta il dovere di interpellare i rappresentanti delle 400…

Leggi di più



Ue, la frammentazione dei partiti tradizionali apre strada ai sovranisti

“La linea di divisione fra partiti progressisti e partiti reazionari cade ormai non lungo la linea formale della maggiore o minore democrazia, del maggiore o minore socialismo da istituire, ma lungo la sostanziale nuovissima linea che separa quelli che concepiscono come fine essenziale della lotta quello antico, cioè la conquista del potere politico nazionale – e che faranno,…

Leggi di più



Capolarato e Gdo
il doppio sfruttamento dei braccianti

Sono trascorsi due anni dall’approvazione della legge sul caporalato, un decreto voluto e promosso dagli ex Ministri Martina e Orlando per porre un argine al fenomeno dello sfruttamento in agricoltura. Sindacati e organizzazioni della società civile hanno esultato quando, quel 19 ottobre 2016, l’Italia si è dotata di uno strumento legislativo più avanzato per combattere le…

Leggi di più



Con le donne comincia a scendere in campo l’Italia che esiste

La società civile non è muta, ma l’informazione è sorda e cieca. Le donne lo sanno: i diritti o sono per tutti o non sono. Vaccinate da una lunga esperienza, rizzano per prime le antenne quando si restringono gli spazi di autodeterminazione, quando si imbarbariscono i rapporti. “C’è un Paese che esiste, che deve e vuole trovare un modo non violento per dare corpo alla propria…

Leggi di più


TARANTO . Illustrazione di Umberto Verdat

Quando la mafia di Agrigento
uccise il sindacalista Bongiorno

A colpi di lupara il 27 settembre del 1960 veniva ucciso a Lucca Sicula, in provincia di Agrigento, da sicari mafiosi, il trentottenne sindacalista e politico comunista Paolo Bongiorno. Bongiorno era segretario della camera del lavoro di Lucca Sicula, padre di cinque figli e venne assassinato alle 22.30 vicino alla sede della Camera del Lavoro dove con coraggio e costanza difendeva i diritti dei lavoratori, e quel giorno aveva…

Leggi di più

A Gubbio col Medioevo il racconto
dei nostri padri barbari

Si parlerà di Medioevo a Gubbio (Perugia), dal 26 al 30 settembre, durante un grande Festival giunto alla quarta edizione. Beh, si dirà, sai che novità… Sarà una delle tante rievocazioni dedicate all’epoca europea che, secondo l’accezione più trendy, va dalla caduta dell’Impero romano d’Occidente (476) alla scoperta dell’America (1492). Invece, no. È un evento per addetti ai lavori e appassionati. In programma ci sono conferenze,…

Leggi di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it