Razzisti

“Perché da queste parti odiavano Roosevelt? Perché? Non lo so. Perché era democratico. No, non amavano Roosevelt perché non amavano gli ebrei, gli italiani e gli irlandesi: ecco perché, tanto per cominciare, vennero a stabilirsi quaggiú. Non amavano Roosevelt perché Roosevelt accettava questi nuovi americani. Capiva quali erano le loro necessità e cercava di aiutarli. Ma questi bastardi, no. A un ebreo non avrebbero detto l’ora.”
Philip Roth

Due ore di esame per l’avvocato del popolo. Poi Mattarella dà l’incarico al professore

Quasi due ore di colloquio tra il presidente della Repubblica e il professore che è stato indicato come premier dalla coalizione giallo-verde. La durata del confronto è una eccezionale prima volta per i tempi istituzionali. Così come fuori da ogni precedente lo è stato la stesura del contratto a due mani  da parte dei “saggi” leghisti e grillini. E, più di ogni altra cosa, lo è l’imprevedibile patto tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini che le elezioni del 4 marzo le hanno vissute da avversari e che ora si accingono a guidare insieme l’Italia con quel governo del cambiamento che, nell’affrontare i problemi concreti, dovrà dimostrare la propria capacità. Ed anche la coesione. Giuseppe Conte è arrivato in taxi al Quirinale, in linea con le indicazione dei pentastellati  che le auto…

Leggi di più

Il guru del populismo, Steve Bannon, all’incontro con Salvini

Nel firmamento del populismo italiano s’è accesa una stella e si chiama Steve Bannon. Lo stratega della campagna elettorale che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca arriverà nei prossimi giorni nel nostro paese per incontrare Matteo Salvini. L’annuncio è stato dato con un certo compiacimento e non è giunto proprio inaspettato. Sono…

Leggi di più


Mettiamo a valore le diversità. E uniamoci

Sabato 26 maggio le forze che hanno dato vita a “Liberi e Uguali” si ritroveranno in assemblea per discutere sul che fare. L’appuntamento rappresenta un’occasione da non perdere per prendere delle decisioni strategiche e ci auguriamo lungimiranti. Questo si aspetta il milione di persone che hanno votato LeU. Un milione di persone che esiste, vuole battersi, esserci e…

Leggi di più



In nome del popolo via la democrazia

Stanno accadendo cose enormi nel nostro Paese, anche se molti guardano a ciò che succede in silenzio, quasi tramortiti dalle novità. Gli storici del futuro che potranno guardare a questa vicenda da una diversa distanza non avranno invece dubbi, credo, su un punto: il governo che sta nascendo, e il modo con cui ciò sta avvenendo, rappresenta la più grave crisi della democrazia…

Leggi di più



Donne contro Raggi: a noi il Buon Pastore

Adesso la sindaca di Roma nicchia, stempera, modera. «Questa amministrazione non intende chiudere la Casa Internazionale delle Donne né intende procedere allo sgombero», fa sapere. Ma intanto il M5s ha presentato e approvato una mozione in consiglio comunale che chiede proprio questo, intanto gira una lista di luoghi da sgomberare, tra cui il Buon Pastore alla Lungara. Foto di…

Leggi di più



In Europa finisce un modello politico sociale

Le elezioni di marzo e la gestione dei due mesi seguenti stanno producendo un esito senza dubbio dirompente sul nostro sistema politico, ma è meglio distinguere l’analisi dall’indignazione. Specie quando da decenni ci si adonta ogni volta che vincono gli avversari, e mai per affrontare le degenerazioni della sinistra, che conducono alla sua sconfitta. Da decenni tutta Europa…

Leggi di più



Ilva o non Ilva, l’ambiguità dei grillini

Il nuovo governo chiuderà l’Ilva, o renderà i suoi impianti meno inquinanti? A chiederselo sono in molti sulle sponde del Golfo di Taranto puntando soprattutto l’attenzione sui grillini che sulla chiusura del siderurgico hanno guadagnato una barca di voti nei quartieri più prossimi allo stabilimento. Gli ambientalisti parlano di bluff, gli industriali chiedono invece…

Leggi di più



Le elites pentite che puntavano sui 5 stelle

Contrordine: "Sta per nascere il governo più a destra della storia repubblicana". "Hanno tradito la parola, mi avevano assicurato che mai avrebbero fatto un governo con la Lega". "Una scelta immorale, non avranno più il mio voto". Il sociologo ( Domenico De Masi) lo storico dell'arte (Tommaso Montanari), l'attore (Ivano Marescotti) , sono un po' il simbolo dei pentiti della…

Leggi di più


L’ESECUTORE. Incarico di formare il governo a Giuseppe Conte. Foto Umberto Verdat

 

Falcone dava fastidio
a troppi, la mafia che lo uccise
non era sola

Serve ancora parlare di Falcone? È utile rinnovare la memoria ad ogni 23 maggio come succede dal 1992, cioè da 26 anni? Io non ho dubbi: serve ed è utile. Naturalmente conta molto come vengono raccontate la sua storia e la sua vicenda umana. Non c’è dubbio che la tendenza è quella di presentarlo in modo oleografico, di mostrarlo come un eroe senza macchie senza paura che diede fastidio alla mafia e che proprio per questo fu ucciso…

Leggi di più

Tra le pagine di Debenedetti
alla ricerca di un altro Proust

Non esiste altro che Proust e non esiste altro Proust che non sia Marcel, basterebbe questo non a riassumere il Novecento così splendidamente raccontato da questo giovane uomo di fine Ottocento, ma a definirlo forse sì. Attraversare Proust è da sempre attraversare il tempo, uno spazio di folle amore dentro al quale la morte non esiste più e la vita ha smesso di uccidere, un tempo passato di volta in volta leggibile sempre e solo al…

Leggi di più


_______________________
Tutti gli articoli Orizzonti

Inviateci le vostre mail:

redazione@strisciarossa.it

Strisciarossa è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Le immagini presenti sul sito strisciarossa.it provengono da internet, da concessioni private o utilizzo con licenza Creative Commons. Le immagini possono essere eliminate se gli autori o i soggetti raffigurati sono contrari alla pubblicazione, inviando la richiesta tramite e-mail alla redazione: redazione@strisciarossa.it